DERMA, in collaborazione con Fusion Art Center presenta:

LANDER
Alessio Ballerini, Daniela Di Maro

15/12/18 – 06/01/19

Opening – sabato 15 Dicembre, 18.30
Neo, via Nazareth 17 Padova

_______

Si terrà presso lo spazio artistico Neo l’inaugurazione dell’esposizione “Lander”, che presenta il lavoro a quattro mani degli artisti Alessio Ballerini (sound artist) e Daniela Di Maro (visual e new media artist) insieme al collettivo Derma.

La prima parte di questo lavoro condiviso è iniziata a Ottobre attraverso un workshop, durante il quale i 14 partecipanti insieme a Daniela Di Maro hanno realizzato l’opera collettiva “Come in cielo così in terra” che ha visto la piantagione di 5 alberi al Parco Iris di Padova, nella disposizione della costellazione della Lira.
Attraverso un “soundwalk” guidato da Alessio Ballerini sono stati registrati i suoni del parco e dell’azione stessa, che comporranno la parte sonora della mostra “Lander”.

Se da un lato questa azione ha permesso un profondo contatto con la natura del luogo attraverso il gesto collettivo, dall’altro grazie al field recording si è svelata l’esperienza di un “ascolto aumentato” di ciò che ci circonda, generando quella dimensione intima legata soltanto alla relazione tra noi, il nostro respiro, il battito del nostro cuore e il paesaggio.
Lander è il suono di una dimensione un pò terrena e un pò astrale. Porta con sé l’odore della terra insieme ai mormorii di uno spazio lontano, dove non c’è materia che si scontri con la nostra eco.

Ma qual è il nesso tra l’azione di ecologia sociale che attiva la Di Maro attraverso la sua opera partecipativa e la pratica di ecologia sonora che si svolge nel walkscape di Ballerini? Alla base vi è una riflessione sui nostri sistemi di relazioni e di vita e su come questi vadano a generare una società equilibrata ed ecologica, influenzandola positivamente o meno.

“…non è il paesaggio sonoro equilibrato acusticamente che crea una società ecologica, ma il paesaggio sonoro di una società ecologica è, di conseguenza, equilibrato acusticamente.”

In accordo con la visione di Gregg Wagstaf, partiamo quindi dall’azione collettiva per generare il suono equilibrato di una società ecologica, e non viceversa. Una riflessione importante per capire se attraverso i suoni possiamo cambiare la nostra stessa realtà e quanto da essa veniamo cambiati.

L’esposizione è composta da installazioni video a opera di Daniela Di Maro e una performance di musica acusmatica di Alessio Ballerini, in dialogo con altre installazioni audio in mostra nello spazio. Sarà presentata con un talk tra artisti e curatori che anticiperà la performance.

Hanno contributo alla creazione dei materiali in mostra: Arianna Niero, Sonny Zanella, Lisa Varotto, Sabrina Bellenzier, Filippo Paparella, Matteo Mancini, Martina Reggianini, Carlo Mantione,
Antonio Irre, Dario Bano, Annamaria Barbas(Anna Maria), Nicolò Masiero Sgrinzatto, @Alice Garbo, Martino Ongaro.

————

Daniela Di Maro
http://www.danieladimaro.it/home/

Diplomata in arti visive e discipline dello spettacolo all’Accademia di Belle Arti di Napoli, vive e lavora a Milano. Il suo lavoro è conseguenza di un approccio interdisciplinare in cui convivono riflessioni di carattere scientifico, antropologico ed estetico, veicolate spesso dall’uso di nuove tecnologie. L’osservazione delle dinamiche naturali è alla base della sua ricerca che, attraverso i linguaggi del disegno, del video, dell’installazione e delle azioni partecipate, indaga possibili relazioni tra l’uomo e l’ambiente. Nel 2018 vince il premio Media Art Festival sezione scuole con il progetto Pollinations VS Pollutions, Museo MAXXI, Roma. Nel 2006 vince il premio speciale Dolomiti Contemporanee per Two Calls for Vajont; nel 2012 vince il premio Un’opera per il Castello. Tra le mostre personali ricordiamo: The synergic garden, [.Box], Milano, a cura di Maria Cristina Ferraioli (2014); Un’opera per il Castello, Castel Sant’Elmo, Napoli, a cura di Angela Tecce (2012); Cuprum, Dino Morra Arte Contemporanea, Napoli, a cura di Chiara Pirozzi (2012); Ivy Noise_IN_Sonora, IED, Madrid (2010); Linfa Sintetica, Ciocca Arte Contemporanea, Milano (2010).

Alessio Ballerini
http://www.alessioballerini.com

Alessio Ballerini è regista e musicista. Nel 2010 ha fondato AIPS (Archivio Italiano Paesaggi Sonori) insieme a Francesco Giannico. I due hanno anche fondato Oak Editions, un’etichetta musica artistica, nel 2013. Performa live e crea progetti video e audio che vengono esposti in gallerie, musei, festival e altri eventi internazionali. Tra gli altri, Cafè Oto, SoundFjord, Sonicueb, Museo dell’artigianato contemporaneo, C(h)orde, Robot, Acusmatiq, Flussi, Node, Maxxi, Pastificio Cerere, Adiacenze, Galleria civica di Modena, Castello Malaspina, Castel Sant’Elmo, La Talpa. Ha collaborato e condiviso il palco con musicisti e artisti come Alva Noto, Lawrence English, Oval, Retina, Enrico Coniglio, Senking, Erik Skodvin, Giuseppe Cordaro, Francesco Giannico, Pietro Riparbelli.

DERMA
Derma è un collettivo di artisti e curatori impegnato nella ricerca dei linguaggi artistici digitali, che sviluppa attraverso delle esposizioni e performance volte a creare nuove connessioni formali e concettuali della realtà nell’epoca post-digitale. https://dermaproject.tumblr.com

Progetto inserito nella programmazione ForEst-innesti artistici per una rigenerazione verde, vincitrice del bando la Città delle Idee 2018 promosso dal Comune di Padova.

______________
Inaugurazione
15 Dicembre ore 18.30 @ Neo, via nazareth 17 Padova
Contatti 3398417088 – fac@fusionartcenter.it
visite: su appuntamento

Costo del biglietto per la performance 10,00. Ingresso riservato ai soci Neo, è possibile tesserarsi in loco al costo di 5,00.