#CHECKMEOUT

La ricerca di una tesi universitaria diventa struttura teorica di un’operazione artistica specifica che si emancipa dal dispositivo mostra facendosi metafora espressiva del contemporaneo, nell’idea che possa assumere la forma di una ricerca non finalizzata all’esposizione, bensì all’innesto di nuove progettualità, accompagnate nelle fasi di sviluppo, fino alla loro indipendenza.

“Check me out” è un progetto a cura di Giovanna Maroccolo, ideato per attivare nuove pratiche di ricerca nelle quali l’arte sia veicolo di indagine e punto iniziale di nuove traiettorie d’azione. 

————————-

IL TALK

Dopo un primo periodo di individuazione del processo da attuare tra ricercatore e artista, vi è un momento in cui proporre alla comunità i temi di cui parlare ed ha come suo nucleo centrale un talk/ tavola rotonda. Questo per consentire a chi oggi vive e pensa al presente, non solo di presentare e condividere il proprio lavoro, ma di farne l’oggetto di una riflessione interdisciplinare, aperta oltre che ai contributi delle scienze anche a quelli dell’arte contemporanea.

IL PROGETTO

Se nella prima fase nasce una progettualità comune (se così non fosse il progetto rimane una ricerca), si passa alla seconda fase di lavoro che consiste nello sviluppo effettivo dell’idea nata dal confronto, con l’obiettivo che questa diventi un valore reale, in grado di diventare sia per l’artista che per il ricercatore qualcosa da spendere nella loro crescita e professione.


DSC_7553

CHECK ME OUT #1 – STATI ALTERATI DI COSCIENZA

GUARDA IL VIDEO

NEOLAUREATO: Carolina Camurati
ARTISTA: Raluca Andreea Hartea

Nel primo talk della rassegna, Carolina Camurati presenterà la sua tesi parlando della psicologia transpersonale, che si occupa di quei fenomeni di supercoscienza o stati di coscienza “espansi” o “alterati” come possibilità di accrescere la consapevolezza che abbiamo sulle cose che ci circondano e su chi siamo, facendone esperienza, mettendo in campo il nostro corpo, le nostre convinzioni, il nostro sentire.

Raluca Andreea Hartea è l’artista invitata a rendere esperienza la tesi di Carolina. Ci presenterà il progetto “Emotive Portraits”, che l’ha vista studiare le dinamiche emozionali della sindrome di Stendhal, nella creazione di 30 ritratti/interviste di altrettanti artisti attraverso l’ipnosi. Nel suo intervento inviterà il pubblico a fare conoscenza diretta ed empatica delle persone nei ritratti, attraverso un’installazione video interattiva.

Moderatore del talk: Antonella Benanzato,  giornalista che da anni si occupa della ricerca tra arte e psicologia, scrive per il Wall Street International ed è corrispondente per l’agenzia di stampa Askanews.


shapeimage_1

CHECK ME OUT #2 – IL PARADIGMA SCIENTIFICO

NEOLAUREATO: Alessandro Ferraris
ARTISTA: Ubik

Secondo tesista selezionato per ridiscutere la propria tesi, Alessandro ha sviluppato una ricerca sul paradigma scientifico a partire dagli studi di Thomas Kuhn, giostrandosi in collegamenti visivo/teorici che vanno dalle conosciute immagini ambigue della Gestalt, fino a toccare la narrativa citando Raymond Queneau e i suoi Esercizi di Stile.

Il collettivo UBIK sono Francesca Sarah Toich, attrice e scrittrice di formazione classica e Andrea Santini, artista del suono e dei media digitali. Si inseriscono in questa discussione su come la realtà si modifichi in relazione alla visione che ognuno vi proietta, con due progetti: Volupta e SkinScreen. Entrambi esplorano l’uso del corpo come schermo di proiezione che trasforma le immagini proiettate in costumi di luce, creando una nuova interpretazione degli originali.


16763860_10210420648585010_1988372562_o

CHECK ME OUT #3 – TERRA E MARE

NEOLAUREATO: Nicolò Campitelli
ARTISTI:  Sara Zanella, Jessica Marangon, Roberta Santi, Livia Rescigno, Marta Brunetti (Marta Bi), Cristiano Polato, Giada Ottone, Serena Gomiero, Gabriele di Benedetto (Akab), Anna Marzuttini, Nilo Australi, Claudia Bernardi.

VIDEO DEL TALK

La tesi di questa terza piattaforma di ricerca e indagine ci svela il rapporto guerra-spazio nello scenario di inizio ‘900 nel pensiero di Carl Schmitt. Nel 1942 Schmitt scrive un libricino sull’origine del mondo e dell’uomo per la figlia Anima: Terra e Mare. A partire da questo testo si è strutturato il talk/briefing nella forma di una open call per illustratori ospitato dalla Libreria Zabarella di Padova. Da quel libro sono stati estratti dodici concetti evocativi del pensiero di Schmitt, che hanno dato vita alle 12 opere che a Febbraio 2017 sono state esposte in una mostra presso “Il Mondo Che Non Vedo” una libreria e caffetteria nata da poco nel cuore di Padova ispirata alla Maison Des Amis Des Livres.

VIDEO DELLA MOSTRA

La tesi che ha dato vita al progetto in questione è quella di Nicolò Campitelli, “War and Nomos: conflict, space and law in Carl Schmitt” innestando questo racconto per immagini che continuerà a parlare del mondo, ma con il linguaggio dell’arte. Dopo la mostra, il progetto evolverà nella pubblicazione di un libro illustrato con le stesse opere, ispirato al testo di Schmitt.

PHOTO GALLERY