Out of The Studio è una serie di esposizioni che si creano a partire dal lavoro di giovani artisti invitati a esporre e discutere pubblicamente il proprio percorso, visioni, processi artistici, fallimenti, opere. Se durante una studio visit è il mondo esterno che entra nello studio dell’artista per conoscerlo e scoprirlo, in questi incontri lasciamo che sia lo studio a mostrarsi fuori dalle sue stesse pareti.  

Nasce con l’obiettivo di riportare l’attenzione a tutto quello che nel lavoro di un’artista precede la creazione dell’opera, per progettare una mostra in cui non sia l’artefatto finale il soggetto bensì il processo che lo precede. Oggi artisti e curatori si trovano a operare in un contesto socio-economico caratterizzato dall’estrema deperibilità delle esperienze che lo compongono, in cui anche l’arte e le opere sono costrette ad adeguarsi a delle dinamiche di un mercato consumistico e sempre insoddisfatto. Questo a scapito della ricerca e della profondità e a vantaggio della forma e della produzione veloce. 

Cambiare un sistema significa costruirne delle alternative e oggi si rende necessario ripensare alle dinamiche di scambio e di valore per dare vita a modelli nuovi, che si basano sulla persona, sulla conoscenza, sulle relazioni. 


Fondazione Bevilacqua LaMasa
Nata nel 1898 per un lascito testamentario, la BLM si occupa di arte e promozione di giovani artisti, organizza mostre, incontri e presenta artisti riconosciuti a livello internazionale. La Fondazione si pone come luogo di eccellenza nel territorio del Triveneto e a suo beneficio, punto di osservazione privilegiato delle esperienze artistiche più interessanti, incubatore di progetti che coinvolgono la comunità artistica locale, ambito di mediazione con le realtà nazionali e internazionali di qualità.
http://www.comune.venezia.it/content/fondazionebevilacqua-la-masa

Giovanna Maroccolo
Giovanna Maroccolo è curatrice indipendente e fondatrice di Fusion Art Center. Si occupa di curatela come pratica di indagine e di narrazione. I suoi progetti nascono con l’obiettivo di fare emergere relazioni sempre nuove tra la pratica artistica e le tematiche attuali della società. Attraverso la sua pratica coinvolge artisti, curatori, ricercatori per indagare nuovi modi di narrare il ritratto del nostro tempo attraverso lo sguardo critico dell’arte. 
Dal 2016 è curatrice di Derma, un collettivo di artisti e curatori che progettano esposizioni di arte digitale, visiva e sonora. 
Dal 2018 è co-fondatrice di Neo, un nuovo spazio di riflessione, produzione e condivisione tra diversi professionisti del settore artistico e creativo.
http://giovannamaroccolo.tumblr.com